© 2020 by A.F.N.I Sezione Campania

I Falchi di Cabras
Da tempo volevo fotografare i Falchi pescatori di Cabras , Sardegna provincia di Oristano, Area SIC e ZPS con una superficie di circa 7500 ettari ricoperta da stagni perenni e acquitrini che si asciugano con l'avanzare della stagione secca,fanno dell'Oristanese una zona di svernamento e riproduzione di molte specie di uccelli e una location straordinaria per il Falco Pescatore che nel periodo di svernamento è numeroso negli stagni in cui pesca con facilità .
 
Per poterli fotografare il periodo migliore è da ottobre fine novembre,periodo corto con pochi fine settimana da sfruttare per chi lavora.Ho prenotato in largo anticipo controllando le statistiche meteo del periodo che mi dava buon tempo quasi sempre a novembre, invece anche la Sardegna è stata coinvolta nelle recenti perturbazioni che hanno flagellato l'Italia.Comunque con un po' di voglia di avventura e passione per la fotografia naturalistica si parte.
Come al solito per fare belle foto sveglia la mattina ore 6.00 veloce colazione e subito in auto per raggiungere gli stagni , ambiente fantastico ma per le copiose piogge livello dell'acqua alto ,raggiungo il capanno praticamente in mezzo alla laguna con 20 cm. di acqua all'interno fotografo con i piedi nell'acqua rimedio una tavoletta di legno e riesco a tenere i piedi quasi all'asciutto , umidità pioggia freddo ma fuori dal capanno un ambiente fantastico,
La presenza del falco non è scontatissima ,il falco non viene attirato da niente ,pesca negli stagni e viene a riposare e mangiare sui posatoi, il brutto tempo non aiuta a passare le ore in attesa nel capanno , ma mi fanno compagnia fenicotteri,limicoli è un martin pescatore che usa il capanno come base per le sue scorribande a caccia di pesciolini , le ore passano veloci con il binocolo vedo il falco in lontananza ma non si avvicina il forte vento e le acque agitate non aiutano la pesca , ma ecco mentre ero distratto dal telefonino mi giro e vedo la sagoma del falco sul posatoio immerso nella nebbia finalmente lo vedo ,emozionato e con il fiato in gola comincio a scattare ,il vento gli fa perdere molte volte l'equilibrio non riesce a mangiare ,qualche secondo e vola via, incontro emozionante ma veloce.
Sono stato per tre giorni mattina e pomeriggio nell'attesa di poterlo rivedere ho avuto 4 incontri con lui di vari minuti in più di 30 ore di permanenza nel capanno un esperienza fisica per le condizioni meteo abbastanza dura ma che adesso mentre ci ripenso quel contatto con la natura in questo suo aspetto mi fa apprezzare ancora di più questa esperienza, la natura è così sole pioggia vento tutto questo la rende meravigliosa .